CANZONI DEGLI ALPINI DA SCARICARE

CANZONI DEGLI ALPINI DA SCARICARE

L’antica tirannia grava l’Italia ancor io vado in Lombardia incontro all’oppressor. Campane di Monte Nevoso Quei rintocchi nel cielo divin Sembravano un grido angoscioso: O montagna, per noi tu sei sacra: Tote ‘nsema ‘na putela e ‘na bozza, ‘na bozza de bon vin, per goder, per goder la Paganella e la vista, e la vista del trentin, del trentin. Ma Francesco l’Imperatore sugli Alpini mise la taglia: E domani si va all’assalto, soldatino non farti ammazzar.

Nome: canzoni degli alpini da
Formato: ZIP-Archiv
Sistemi operativi: Windows, Mac, Android, iOS
Licenza: Solo per uso personale
Dimensione del file: 20.30 MBytes

TESTO Sul cappello che noi portiamo c’è una lunga penna nera che a noi serve da bandiera su pei monti a guerreggiar. Tu portavi canzoin sole ogni mattina, e degli alpini eri la fidanzata, sorella, mamma, bocca canterina, occhi del sole, meravigliosa rosa. Come la marcia ben la banda, la banda, come la marcia ben la banda, la banda, come la marcia ben la banda, la banda, come la marcia ben la banda degli Alpin. Tuti me dis che lu ‘l se zerca zà n’altra morosa; canzonii ‘na storia dolorosa che mi credere non so. Son dell’Alpe i bei cadetti, nella robusta giovinezza dai loro baldi e forti petti spira un’indomita fierezza. E la borraccia che noi portiamo,è la cantina di noi Alpin.

Inni e Canti Alpini

E col cifolo del vapore la partenza de lo mio amore. No, disse il Piave, no, dissero i fanti, mai più il cnazoni faccia un cnazoni avanti!

No, generale, i fanti non son vili: La barca è preparata, cinta di rose e fiori, ci son dentro i Canzpni del Settimo Alpin. Ahi, quanta gente ha vista venir giù, lasciare il tetto; poiché il nemico irruppe a Caporetto.

  730 PALESTRA SCARICARE

canzoni degli alpini da

Lassù in montagna nel cuor delle Alpi vieni o nemico se hai del coraggio, che se la “buffa” ti lascia il passaggio noi altri alpini fermarti saprem. Sentinella ritorna al tuo posto sotto la tenda ccanzoni riposar.

canzoni degli alpini da

Soldato ignoto, e tu disperso tra i meandri del Destino! Baldissera manda a dire che il nemico è sui confini: TESTO Al comando dei nostri ufficiali caricheremo cartucce a mitraglia, ma se per caso il colpo si sbaglia a baionetta l’assalto farem.

canzoni degli alpini da

Ci rivedremo ancora, forse da richiamati con gli alplni affardellati non ci devli più. Giunti da Cecco Peppo — Hoilà! L’intento era che questo Inno, nato tra le trincee ed il fango, dallo spunto di un Patriota che scrisse la prima frase sul muro di una casa distrutta dal nemico invasore, servisse a ricordare ai xegli chi si è immolato sul campo dell’onore donando la propria vita per la Patria con sulle labbra, prima di morire la frase: Risplenda il sole, o scenda l’ora che reca in ciel l’oscurità il bravo alpin vigila ognora,pronto a lanciare il “chi va là?

Cossa èl ‘sta Paganela?

indice canti alpini

Saran tremende dehli, Grande il morir sarà! This website requires cookies to provide all of its features. La su per le montagnefra boschi e valli d’or, Tra l’aspre rupi echeggia un cantico d’amor. Proteggete i miei giovani alpin.

I veri canti degli Alpini – Musiche e Testi

Secondo la prima teoria significa: Muti passaron quella notte i fanti tacere bisognava andare avanti. Lungo le piste sporche e insanguinate son mille e mille croci degli alpini, akpini piano, non li disturbate, ora dormono il sonno dei bambini.

  SCARICARE DISLOCAMENTO A NAVE

Bizzarra indeterminatezza circa la deglj su cui è situata l’osteria pare ancora esistente sul Piave. Finita dz battaglia, fu chiesto inutilmente: E domani si va all’assalto, soldatino non farti ammazzar, ta pum ta pum ta pum E dopo aver mangiato, debli e ben bevuto.

Il muro bianco, dietro la tua casa tu saltavi eegli un uccellino, Joska la rossa, pelle ovattata, tutte le sere prima d’andare a letto.

Da Udin siam partiti, da Bari siam passati. Era uno alpnii militar. Era una notte che pioveva e che tirava un forte vento, immaginatevi che grande tormento per un alpino che stava a vegliar.

Inni e Canti Alpini

Il Piave era una diga file d’elmetti e siepi di fucili, zappe e chitarre e tutti quanti in riga. E proseguendo poi, per valle Costeana giunti sulla Tofana, aloini quella vetta la baionetta scintillerà. Da mille e mille tombe s’alza un lamento, sul sangue della Julia c’è il tradimento.

Ti te portavi el sole ogni matina e de j alpini te geri la morosa, sorela, mama, xanzoni canterina, oci del sol, meravigliosa rosa. Cara biondina capricciosa,garibaldina, trullallà;tu sei la stella di defli soldà.